La mia storia

Infilatura Perle e Curiosità…

Ricordo come fosse oggi il momento in cui ho maneggiato le mie prime perle. Avevo 18 anni e avevo iniziato a lavorare come apprendista commessa in una delle migliori gioiellerie della mia città. Rimasi stregata da questi piccoli oggetti scoprendo, da subito, di avere anche una notevole manualità ma soprattutto un forte desiderio di intraprendere un percorso di apprendimento nell’arte dell’infilatura.

Da quel giorno, in ogni mio momento libero correvo a casa dell’infilatrice per cercare di rubarle tutti i segreti e i trucchi del mestiere. Sono passati ormai tanti anni ma mai smetterò di ringraziare quella cara signora per essere stata capace di imprimere nelle mie mani questo mestiere e avermi dato le conoscenze necessarie per fare le scelte giuste.

Ho deciso di fondare questo blog per poter trasmettere a mia volta questa passione a chi ne vorrà fare tesoro.

All’interno del blog inserirò di volta in volta i tutorial necessari per poter realizzare delle bellissime infilature e potersi sbizzarrire in qualsiasi occasione si voglia creare oggetti deliziosi da vedere ma soprattutto preziosi da indossare.

Se oltre al materiale che troverete avrete delle curiosità, non esitate a contattarmi. Cercherò di darvi tutte le risposte approfondendo i temi di vostro interesse.

Ora basta temporeggiare e mettiamoci a lavorare!!

Cris

14 Replies to “La mia storia”

  1. Claudette

    Pretty great post. I just stumbled upon your blog and wanted to say that I
    have really enjoyed browsing your blog posts.

    In any case I’ll be subscribing on your rss feed and I am hoping you write once
    more very soon!

  2. Daria

    Sei veramente brava.Essenziale, chiara e competente È unpiacere seguirti anche solo per la mia formazione personale e per accontentare qualche amica con la collana rotta.Un caro saluto Daria

  3. Teresa

    Ciao carissima ho visto e ritenuto molto utile il tut. Su come fare dei aghi. Purtroppo non ho capito come fai la cruna visto che tagli il filo. Un abbraccio

  4. perleinfila@gmail.com Post author

    Ciao Teresa grazie. La cruna viene mettendo il filo di rame doppio, quando poi lo arrotoli su se stesso la cruna viene automatica. Contraccambio l’abbraccio,
    Cris

  5. Alessandra

    BRAVA! CHIARE E PRECISA!
    Avevo giusto bisogno di questi tuoi tutorial per apprendere l’arte dell’infilatura con nodini.
    GRAZIE!
    Alessandra

  6. Laura Bayslak

    Complimenti per le spiegazioni, chiare e precise. Ieri sono finalmente riuscita a capire come si fa l’ago con un filo di rame ed ho seguito le istruzioni per fare un girocollo di perle. Non avendo il filo di poliestere ho utilizzato infilaperle n. 4 colore beige. Iniziato con le 3 perle, conottiglia, nidini, ecc. Tutto bene fino alla fine. Unica cosa, non sono riuscita ad entrare con l’ago nella 3′ perla perché c’era già il nodino precedente e l’ago si piegava. Per non disfare per l’ennesima volta il lavoro ho fatto altro nodino e bruciato eccesso di filo con accendino. Non si vede, ma io lo so e mi scoccia. Ne devi fare un altro. Se trovo quello di poliestere quante volte lo devo doppiare? La collana originale aveva 8 fili. Presumo quindi che abbiano usato 4 fili piegati in due. Ma poi, alla fine l’ago entra? Ti sarei grata se mi potessi rusponderi. Ancora complimenti. Laura

  7. perleinfila@gmail.com Post author

    Ciao Laura, grazie a te. Il filo in poliestere esiste in due diversi spessori, prendi quello più grosso e se i fori sono “normali” dovrebbe bastarti messo semplicemente in doppio. Riguardo all’ultima perla (che quando dico le parolacce in famiglia già sanno che ho quasi finito la collana 😂 ) lascia un pelino di spazio in più in modo da avere lo spazio per far stare i nodi di rientro abbondanti, in questo modo avrai quel micro millimetro di spazio per far passare l’ago. Poi visto che in quella perla si mette la colla sarà sufficiente equilibrare lo spazio e non si vedrà nulla.
    Buon lavoro, Cris

Rispondi